play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
  • cover play_arrow

    WIDELINE RADIO the energy web radio

  • cover play_arrow

    APERITIVO ITALIANO cosa meglio di un aperitivo?

  • cover play_arrow

    WIDE LOVE REGGAE RADIO love for reggae

  • cover play_arrow

    SNAIT la radio che nos mouf

  • cover play_arrow

    RITMO una radio che ti muove i piedi

  • cover play_arrow

    CABINA DJ mix senza sosta

  • cover play_arrow

    WIDELINE COUNTRY best country music

  • cover play_arrow

    LT2 NEW GENERATION LT2 reborn radio

  • cover play_arrow

    CANAL FURLAN la miòor radio tal friùl

music_note
  • home Home
  • keyboard_arrow_right Evento
  • keyboard_arrow_rightROBERTO DOATI E CIRO LONGOBARDI

Concerto Live

ROBERTO DOATI E CIRO LONGOBARDI

today 21/06/2024my_locationEx Convento di S. Francesco


Sfondo
share close
Roberto Doati e Ciro Longobardi

Roberto Doati e Ciro Longobardi

21/06/2024 Convento di San Francesco ore 17.45

Musica dei mutamenti e rifrazioni elettroniche
Piano con l’elettronica!

Programma:

John Cage, Music of Changes I (1951)
Roberto Doati Teoria e pratica del cambiamento. Libro I (2022)
John Cage Music of Changes II (1951)
Roberto Doati Teoria e pratica del cambiamento. Libro II (2022)
John Cage Music of Changes III (1951)
Roberto Doati Teoria e pratica del cambiamento. Libro III (2022)
John Cage Music of Changes IV (1951)
Roberto Doati Teoria e pratica del cambiamento. Libro IV (2022)

Durata 70’

Il ‘cambiamento’ nel titolo della mia serie elettronica è riferito alla Music of Changes (1951) per pianoforte, prima opera del compositore americano a usare esclusivamente quale strumento processuale l’I-ching, antico libro degli oracoli cinesi organizzato in 64 esagrammi. Da Music of Changes ho tratto la divisione formale in quattro Libri, ricalcandone la divisione in 4 Libri e loro durata dei Books di Cage, e soprattutto l’ispirazione per il processo generativo non intenzionale degli eventi sonori della mia composizione. La tecnica adottata è quella della convoluzione. Si inizia con la deconvoluzione di estratti (1’ circa) da opere strumentali del II Dopoguerra con brevi frammenti di suoni strumentali di tipo impulsivo. In tal modo ottengo delle risposte all’impulso (IR) che userò per la convoluzione con 8 tipi di materiali (Ecc) diversi, ciascuno con 8 suoni diversi secondo la tipologia usata da Cage nei suoi lavori elettronici degli anni ‘50:

Suoni strumentali impulsivi
Suoni concreti impulsivi
Suoni elettronici impulsivi
Suoni strumentali + concreti impulsivi
Suoni strumentali + elettronici impulsivi
Suoni strumentali continui
Suoni concreti continui
Suoni elettronici continui

Gli IR sono organizzati in 4 matrici ‘mobili’ (una diversa per ogni Libro) di 8 x 8, mentre le Ecc in un’unica matrice 8 x 8 ‘immobile’ che viene usata per tutti e 4 i Libri. Il prodotto di queste due matrici mi dà quindi 4096 strutture possibili per ogni Libro. Fine della Teoria. La Pratica: la convoluzione di Ecc e IR, estratti aleatoriamente in una densità variabile compresa fra 1 e 8, genererà gli eventi sonori da collocare nel tempo secondo una successiva estrazione aleatoria. La natura percussiva del pianoforte viene appena evocata nei primi due Libri, ogni evento è come una scia, una rifrazione dei gesti pianistici su un prisma sonoro (“duration, color, speed focus” scrive Cage nel suo quaderno di appunti), mentre nei Libri III e IV mettiamo sempre più a fuoco i suoni del pianoforte di David Tudor.

 

Ciro Longobardi, finalista e miglior pianista presso il Concorso Gaudeamus di Rotterdam nel 1994, Kranichsteiner Musikpreis nell’ambito dei Ferienkurse di Darmstadt nello stesso anno, ha suonato per Milano Musica, Ravenna Festival, Aperto Reggio Emilia, Angelica Bologna, Traiettorie Parma, Rai Nuova Musica Torino, Ente Teatro San Carlo e Associazione Scarlatti Napoli, Accademia Chigiana Siena, INA GRM Parigi, Ente Teatro Massimo Palermo, Saarländischer Rundfunk Saarbrücken, © Riccardo Siano Biennale di Venezia, Unerhörte Musik Berlino, Guggenheim Museum New York, IIC di Stoccarda, Strasburgo, Tokyo, Festival di Salisburgo. Ha registrato per Stradivarius, Limen, Mode Records, RAI Trade, Die Schachtel, Kairos. Tra i premi ricevuti, un Coup de Cœur de Radio France (settembre 2011), un Premio Speciale della Critica (Musica e Dischi) e un Premio Nazionale del Disco (Amadeus 2012-2013) per l’integrale delle opere pianistiche di Ivan Fedele (Limen); un CD del mese e una candidatura al Premio Nazionale del Disco (Amadeus 2012 – 13) per Electronic Music for Piano (Stradivarius) di John Cage realizzata in duo con Agostino Di Scipio. La sua registrazione dei Notturni completi (con Gaspard de la Nuit di Ravel, per Stradivarius) è stata menzionata dalla prestigiosa rivista inglese Gramophone tra le tre pubblicazioni di riferimento per l’opera di Salvatore Sciarrino. La sua registrazione integrale del Catalogue d’Oiseaux di Messiaen (Piano Classics) ha vinto il Premio Abbiati del Disco come migliore pubblicazione di repertorio solistico del 2018-19 e ha ottenuto recensioni entusiastiche, tra cui una valutazione da 5 stelle dalla rivista francese Diapason. Oltre che per le collaborazioni con i maggiori compositori italiani, la sua attività si è caratterizzata nel tempo per le proposte pionieristiche sulla diffusione del grande repertorio internazionale nel nostropaese. Ha infatti eseguito in prima italiana le opere pianistiche complete di Galina Ulstvolskaja (CIMS Palermo, 1996), l’Emerson Concerto di Charles Ives nella ricostruzione di David Porter (Orchestra Guido Cantelli, direttore Alberto Veronesi, 2000), Synaphaï di Iannis Xenakis per pianoforte e 86 musicisti (Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, direttore Pascal Rophé, 2012). Durante la pandemia, Longobardi è stato protagonista della prima integrale italiana della musica pianistica d’ispirazione ornitologica di Messiaen, in tre concerti diffusi in live streaming dal Festival Aperto di Reggio Emilia, prima tappa del progetto triennale di esecuzione e registrazione delle opere complete. La seconda tappa, prevista per l’autunno 2021, prevede la pubblicazione di un cofanetto di 2 dischi contenente una selezione delle maggiori opere distribuite su un arco creativo di circa 40 anni, e la presentazione in concerto dello stesso programma. Longobardi è pianista dell’Ensemble Prometeo di Parma, membro fondatore e direttore artistico del collettivo Dissonanzen di Napoli. Insegna presso il Conservatorio “G. Martucci” di Salerno.

 

Roberto Doati inizia la sua attività musicale all’età di 18 anni passando in pochi anni dall’improvvisazione libera alle esperienze di tape music. Dal 1977 al 1979 studia musica elettronica con Albert Mayr e Pietro Grossi (programmazione informatica) presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze e presso la Divisione Musicologica del CNUCE di Pisa. Nel 1979 si trasferisce a Venezia dove porta a termine gli studi con Alvise Vidolin presso il Conservatorio “Benedetto Marcello”. Nello stesso anno inizia la sua attività di compositore e ricercatore presso il Centro di Sonologia Computazionale dell’Università di Padova dove tiene diversi seminari. Dal 1983 al 1993 collabora con il Settore Musica (in particolare con Mario Messinis) e il Laboratorio di Informatica Musicale della Biennale di Venezia (L.I.M.B) con Alvise Vidolin. Dal 1990 al 2020 è stato docente di Musica Elettronica presso i Conservatori di Cagliari, Latina, Trieste, Genova e Piacenza. Fra i numerosi progetti ideati e realizzati con i suoi allievi è da ricordare nel 2013 la formazione della Galata Electroacoustic Orchestra (GEO) in collaborazione con Istanbul Bilgi Üniversitesi, Istanbul Teknik Üniversitesi, Universitat Pompeu Fabra, Conservatorio di Musica “G. Pierluigi Da Palestrina”. GEO si è esibita al Festival di Musica Contemporanea de La Biennale di Venezia nel 2014 con Compasso da navegare e ha ricevuto il “Premio Siebaneck” nell’ambito del XXXIV Premio della critica musicale “Franco Abbiati”. Le sue opere gli hanno valso riconoscimenti internazionali, a partire dalla selezione Opera Prima (Teatro La Fenice, 1981) con Gioco di velocità per suoni sintetici. Nel 1995 La Biennale di Venezia gli commissiona un’opera per voce ed elettronica, L’olio con cui si condiscono le parole eseguita da Marianne Pousseur. Nel 1997 viene invitato presso il Centre de Recherches et de Formation Musicales de Wallonie di Liegi per comporre la serie Felix Regula (I-V) per violino/viola, flauto, clarinetto, nastro e live electronics, eseguita al Festival Ars Musica di Bruxelles. bastone armonico per violino, bastoni da pioggia e sistema interattivo, realizzato durante una residenza presso la Bogliasco Foundation, viene presentato nel 1999 al Teatro Carlo Felice di Genova da Marco Rogliano e Alvise Vidolin. Nel 2001 ottiene una borsa dalla Rockefeller Foundation per comporre L’apparizione di tre rughe per chitarre, elettronica e sistema interattivo EyesWeb, incisa da Elena Casoli per Stradivarius. Nel 2002 il Teatro La Fenice presenta presso il Teatro Malibran “Per voce preparata” (progetto di Doati e Pachini), messa in scena di opere per voce fmminile con video ed elettronica fra cui la sua Allegoria dell’opinione verbale per attrice, elettronica e sistema interattivo EyesWeb su testi di Gianni Revello. Nel 2005 La Biennale di Venezia gli commissiona un’opera di teatro musicale (Un avatar del diavolo). La sua esperienza audiovisiva include Sindrome scamosciata per video e live electronics (2008-2009), La scala non procede oltre (2009), Noli me tangere (2010). Dal 2013 si occupa di estetica del gusto producendo videomusiche quali Seppie senz’osso (video: Paolo Pachini), Il suono bianco (video: Maurizio Goina), Il suono rosso.

 

EX CONVENTO SAN FRANCESCO

  Pordenone (IT)

WIDELINE RADIO

  Pordenone (Italia)


Dettagli
Inizia 21/06/2024 H 17:45
Fine 21/06/2024 H 18:55
Luogo Ex Convento di S. Francesco
Indirizzo Via della Motta, 13, 33170 Pordenone PN
Link https://pianocitypordenone.it/eventi/piano-con-l-elettronica
Rate it
0%